Workout per gli appuntamenti – Ecco come iniziare ad allenarsi!

Avrei potuto intitolare questo articolo anche così: “Nella vita ci vuole culo. E anche negli appuntamenti“.

giphy

Diciamo che se gli uomini sono ossessionati dalla grandezza del pene, noi donne ci focalizziamo su due parti del nostro corpo…

Le tette, quando sono troppo piccole o inesistenti.

Il culo, quando è piatto, flaccido, cellulitico.

giphy1

Confesso una cosa: sono stata sempre una pigrona, devota al divaning più che allo sculpting del corpo. Poi succede che senti che gli -enta si avvicinano – oh sì, cara, se si avvicinano – e cominci a percepire che la concorrenza si farà spietata.

Tra te e loro: le ventenni, fresche, leggiadre, sempre imperizomate, in shorts, con le chiappe al vento in estate e con i jeans super skinny in inverno.

teen-hairstyles-2015-5
Esemplare di ventenne in shorts

Di fronte a questo apocalittico scenario, a me è successo che ho cominciato a pensare a questa cosa chiamata “workout“: ho cominciato a documentarmi e a seguire fitgirl e trainer su Youtube, ma gli spunti e i consigli più illuminanti li ho trovati su un gruppo Facebook, il maggiore e più attivo, sul tema, che infatti si chiama Workout Group.

Se non lo conosci già ti consiglio vivamente di iscriverti, presentarti (don’t be shy!) e chiedi consigli su come cominciare il tuo percorso (tutto gratis e non c’è alcuna fregatura).

Io il mio l’ho cominciato quasi 1 anno fa, quando ho avuto l'”epifania”, con tanti benefici per il corpo ma anche – udite, udite! – per la mente. In sintesi, ho fatto 6 mesi di workout in casa seguendo dei video di famose trainer straniere (non la BBG di Kayla però), ogni sera, per mezz’ora, al massimo con 1 giorno di rest, con buoni risultati in termini di centimetri persi e tonificazione (sebbene la mia situazione non sia tragica: sono alta 1,60 per 54 kg). Adesso invece sono passata alla palestra e ai pesi, con l’intenzione di continuare su questa strada.

Ho deciso di trasmettere in una serie di articoli ciò che ho imparato, posto che come si sa non si smette mai d’imparare. Dedicherò singoli articoli ai programmi di workout che ho affrontato in questi mesi (ossia: 30 Day Shred e Body Revolution di Jillian Michaels, 21 day fix di Autumn Calabrese e la sfida delle Sisters su Skalpel di Ewa Chodakowska), con risultati e consigli, e sarò a disposizione sulla pagina Facebook di Tinder and the City per qualsiasi domanda relativamente alla mia personale esperienza: sharing is caring!

Perché parlare di workout qui?

Perché in doggy style è sicuramente meglio avere un culo da urlo che uno che somiglia a una groviera. I maschietti apprezzeranno.

giphy2

Questa è solo una introduzione, ma voglio già lasciarti alcuni tips che ho imparato durante il percors.

  • Butta la bilancia! – ti imbatterai spesso in questo ammonimento. Se anche tu come me ti pesi (quasi) ogni giorno, ti capisco. Continua pure (neanche io smetto) ma comincia a farlo con questa nuova consapevolezza: il peso varia per una miriade di fattori che non sto qui ad elencarti! Addirittura potresti vedere che aumenta quando invece allo specchio noti che la tua forma fisica sta migliorando.

 

Un post condiviso da E M I L Y S K Y E (@emilyskyefit) in data:

Quindi fai questo bell’esercizio: pesati (anche ogni giorno se la cosa ti sollazza), ma fregatene del numero che leggi, e risponditi:”anche oggi mi allenerò/porterò il mio culo in palestra“.

  • Il corpo si costruisce in cucina – questo assunto è meglio conosciuto come “Abs are made in the kitchen” perché “come avere la pancia piatta” è un altro cruccio di tutte noi; possiamo dire in generale che non serve a nulla sudare sette griffatissimi top fitness Nike se poi ci scofaniamo la lasagna, i bignè e facciamo un aperitivo oggi e un altro pure domani. Quindi sempre e comunque: cura l’alimentazione! (a te se farti seguire da un nutrizionista o meno; io non lo sto facendo, cerco piuttosto di informarmi molto)
  • La pazienza è la virtù dei forti, dei morti e di quelle che vogliono dimagrire/migliorare la forma fisica  – i risultati non arriveranno dall’oggi al domani. Lo so, lo so: tutte vorremmo andare a dormire in un modo e poi magari svegliarci così l’indomani…

… (lei è Ewa, ti parlerò dei suoi micidiali ma efficacissimi programmi fitness nei prossimi articoli) ma come si dice spesso nella community workout: allenarsi è uno “stile di vita”. Dunque, keep going!

  • La costanza è tutto  – qui l’unica persona che prendi in giro è te stessa quindi non cercare scuse: io mi sono allenata col ciclo, in ferie, con l’umore di merda e sotto Natale coi panettoni minacciosi in giro (che ho comunque mangiato) e c’è gente che lo fa anche con difficoltà maggiori (come 2 marmocchi strillanti ad esempio: i workout hanno cambiato la vita di molte mamme post partum e post svaccum). Le trainer infatti spesso dicono: “don’t cheat!”.
  • Fumare/bere non ti aiuta – questo non devo venirtelo a dire io, ma non serve un medico per saperlo: il fumo fa male per “n” ragioni; quanto all’alcool beh sappi che i cocktail sono bombe di calorie. Pensaci la prossima volta che mandi giù l’ottavo mojito.
  • Le sorelle Kardashian hanno il culo rifatto.
Lascia un commento