A tutte le donne che fanno sesso al primo appuntamento

(questo è un articolo serio quindi non metterò gif demenziali)

L’ultimo che mi ha detto “Tranquilla, anche se la dai la prima sera non cambia assolutamente nulla” è sparito puntualmente l’indomani.

C’è invece chi dice che, se a uno piaci davvero, non importa se la darai alla prima, seconda, decima sera, ma tornerà a cercarti.

Dove sta la verità?

Al momento non l’ho ancora capito. Mentre attendo che qualche pene dotato di cervello mi illumini (fatevi avanti, perdio, parliamone su Facebook!) rifletto su alcuni cliché.

E’ la donna che la dà, non l’uomo che lo

La donna la dà, nel senso che la concede. C’è una parte che chiede, e c’è una controparte che decide se cedere o meno un suo bene prezioso all’altro (è una compravendita no!?) ossia: la f*ga. Alcune ritengono di averla d’oro, e sono chiamate f*ghe di legno.

Ma non è di loro che noi vogliamo parlare: vogliamo parlare invece di quelle generose! Quelle che la danno alla prima sera.

La donna dà, ma in realtà riceve

C’è quest’altra idea radicata nella cultura della donna passiva, sottomessa, ma non intendo nel senso di oppressa dall’uomo, ma nel senso che la donna è pensata sempre in un atteggiamento “ricevente” e non attivo.

Pensateci: a un uomo diciamo “scopami“, non “fatti scopare”. Lo invitiamo ossia a farci qualcosa: ci mettiamo nella condizione di voler subire qualcosa (con gran piacere e consenso, per carità).

Del resto gli animali si accoppiano in una posizione (quella a 90°) in cui il sesso femminile è sottomesso da quello maschile, che la monta.

Inoltre, probabilmente questa idea della donna ricevente risiede anche nella conformazione dei genitali maschili e femminili: c’è qualcosa che deve entrare, essere inserito, in qualcos’altro. Quando pensate a una spina da infilare in una presa elettrica, pensate alla spina che si avvicina per entrare nella presa, non alla presa che si avvicina farsi penetrare dala spina, no?

Perchè non esiste il “puttano”?

Se una ragazza è promiscua, è una t*oia, se lui se ne fa una diversa ogni sera, è un gran figo (e non un “puttano”).

Siamo nel 2017 e non siamo ancora venuti a capo di questa matassa: o sbaglio?

Questo clichè in realtà deriva da un altro: l’idea dell’uomo conquistatore. L’uomo che riesce a far sue un certo numero di donne, è visto come vincente; diversamente, è un morto di f*ga.

La verità è che gli uomini non si sono ancora abituati all’evoluzione della donna in senso auto-determinato, indipendente, schietto.

Tanto che i segnali di questa indipendenza della donna vengono spesso mal interpretati dall’uomo, che non ha a quanto pare ancora i mezzi per decodificarli (parlo ovviamente dell’uomo medio, esistono per fortuna anche alcuni uomini illuminati).

Ossia:

Parli schiettamente di sesso, di ciò che ti piace, che non ti piace, delle tue esperienze passate?
Sei una t*oia o una gran porca.

A casa hai una scorta di preservativi, sex toys, lubrificanti?
 Sei una t*oia o una gran porca.
(Mi sono anche sentita dire, scherzosamente: “Sembra di essere a casa di una prostituta”).

La dai al primo appuntamento?
Sei una t*oia o una gran porca.

Pochi, davvero pochi (i famosi illuminati), pensano che parli così schiettamente perché sei una donna libera e fiera di poter decidere sulla tua vita sessuale; che hai “l’arsenale” di profilattici in casa perché non vuoi beccarti malattie per via di un “Ops ho scordato il preservativo!“; che se la dai al primo appuntamento è perché hai deciso, liberamente e consciamente, con determinazione, che lui ti piace e che non hai bisogno di fare strategie: vuoi prenderti ciò che desideri, e basta.

Perché se la serata è stata piacevole e senti che lui a pelle ti piace, e siete entrambi eccitati, non vi è motivo o sotterfugio al mondo per dire “No, la prima sera no”.

In realtà fare sesso al primo appuntamento ha un altro grande vantaggio (oltre a quello di soddisfare il desiderio del momento): se scopa male, lo scoprirai subito. Così sai se metterlo già in blacklist. O volevi scoprirlo dopo 1 mese in cui lo avresti idealizzato e magari ti saresti anche innamorata di lui? Il sesso è un fattore fondamentale, e non può essere bypassato: meglio allora fare un check!

Fare sesso al primo appuntamento non fa male, innamorarsi di un coglione fa malissimo. Perché le relazioni tra esseri umani hanno già un sacco di problemi senza che dobbiamo considerare tra i problemi anche il sesso. – Vice

Lascia un commento