Come chattare fuori da Tinder senza il numero di cellulare con Telegram

Una delle difficoltà che incontro su Tinder è il momento in cui mi si chiede il numero di telefono.

Quel momento guarda caso arriva sempre troppo presto rispetto al dovuto, a mio parere.

Perché?

Diciamolo: la chat di Tinder (e anche quella di altre dating app) è macchinosa, spesso invia notifiche ad cazzum oppure non le invia, rallentando la comunicazione, inoltre non permette di inviare foto o altri contenuti che non siano link (questo però è un bene: avete mai usato GrindR? Ecco lì prima ancora di “ciao” ti arriva la foto del c***o e non è l’ideale se sei a lavoro oppure stai pranzando).

La soluzione però era sotto gli occhi da tempo.

Conoscete Telegram?

Ricordo anni fa che fece il suo esordio accompagnandosi presto (e involontariamente) a una parola ben precisa: il sexting.

Questo grazie al fatto che Telegram consente di creare delle “chat segrete” dove impostare messaggi che si autodistruggono dopo un periodo di tempo che puoi impostare a tuo piacimento. Dalle FAQ ufficiali di Telegram:

Le chat segrete sono per quelli che voglio veramente più sicurezza degli altri. Tutti i messaggi nelle chat segrete utilizzano la crittografia end-to-end. Questo significa che solo tu e chi riceve i messaggi li potete leggere — nessuno può decifrarli o intercettarli, inclusi noi di Telegram (più info qui). I messaggi delle chat segrete non possono essere inoltrati. Inoltre quando elimini dei messaggi nella conversazione, viene ordinato all‘app di eliminarli anche dall’altra parte.

Puoi ordinare ai tuoi messaggi, foto, video e file di autodistruggersi in un lasso di tempo preimpostato dopo che sono stati letti o aperti dal destinatario. Il messaggio scomparirà sia dal tuo telefono che dal suo.

Tutte le chat segrete su Telegram sono specifiche del dispositivo e non fanno parte del cloud di Telegram. Questo significa che puoi accedere ai messaggi della chat segreta solo dal dispositivo di origine. Sono al sicuro fino a quando il dispositivo è al sicuro nelle tue tasche. – fonte

Esatto, come i messaggi che riceveva l’Ispettore Gadget!

Questa funzione è una manna dal cielo per chi vuole condividere contenuti hot che non possano essere diffusi: già, perché Telegram becca pure i furbetti inviando una notifica se viene fatto lo screenshot. Ovviamente neanche questa funzione è a prova di bomba perché alcuni dispositivi sfuggono al detect e inoltre nessuno può impedire di fare una foto a uno schermo con un altro dispositivo.

La sicurezza e la velocità di comunicazione del resto sono nel DNA di Telegram:

L‘idea alla base di Telegram è di offrire qualcosa di più sicuro per le masse, che non si intendono di sicurezza e non ne vogliono sapere nulla. Essere solamente sicuri non basta per raggiungere i nostri obiettivi — bisogna essere anche veloci, potenti e user-friendly. – fonte

Mi sono imbattuta in un Podcast di Strategia Digitale (se lavorate nel digital qui troverete approfondimenti e novità interessanti!) di qualche tempo fa proprio su Telegram, potete ascoltarlo qui oppure cercare il canale su Spreaker o iTunes:

Ascolta “Telegram perché” su Spreaker.

In questo podcast Giulio Gaudiano intervista Rachele Zinzocchi, autrice del libro-guida “Telegram perché” che sintetizza i tanti buoni motivi per usare Telegram, sia per esigenze personali che lavorative.

Appunto: Telegram perché, per Tinder and the City?

Perché la chat è nel DNA di Tinder and the City 🙂

Non sarebbe divertente ricevere gli screenshot più esilaranti direttamente sul proprio smartphone?

E inviarmi i tuoi screenshot in chat con un tap con la stessa facilità di Whatsapp (anche meglio)?

Il podcast mi ha spinta a fare il passo…

Vi presento il canale Telegram “Tinder and the City eXXXtra”!

Ecco il link per iscrivervi e ricevere direttamente sul cellulare le chat più assurde, quelle che non potrei condividere pubblicamente 😛

Dai una sbirciatina dentro, lo so che sei curioso

Siete liberi di entrare ed uscire quando vi pare (mmmh…) e inoltre resterete anonimi tra gli iscritti al canale.

Creare un canale è facilissimo e chiunque registrato a Telegram può farlo. Apri l’app Teleram, fai tap sull’iconcina in alto a destra come quella per iniziare una nuova chat e poi seleziona “Nuovo canale“. Scegli nome, descrizione, foto e via, il tuo canale è pronto a trasmettere!

Inoltre, vi presento anche il mio fedele e asessuato BOT!

Lo trovate a questo link oppure su Telegram cercando TinderandtheCity_BOT

Così potrete intrattenere una conversazione privata direttamente con me… o meglio col mio BOT, ma tramite il BOT potrete inviarmi ciò che volete in maniera facile, veloce e sicura! 😉

Ho creato questo BOT in 2 orette. Come dice Rachele nel podcast: “anche un bambino può farlo, non potrete dire di non esserne capaci!“.

Un BOT è come il tuo schiavetto (amanti del BDSM ne abbiamo?): puoi impostare risposte automatiche a dei messaggi, puoi fargli ricevere testo/foto/file, fargli porre domande aperte e sondaggi a risposta multipla, fargli condividere in maniera automatica contenuti da Feed RSS, Youtube, Twitter, Vk in un canale Telegram collegato.

Ma perché Tinder e Telegram?

Dicevo che non mi piace dare il mio numero di telefono in chat.

Su Telegram è possibile registrarsi con numero di telefono ma anche impostando uno username e avere tutte le funzioni simili a Whatsapp, ma anche oltre: chat segrete, stickers in chat, invio di file anche pesanti, inoltre le foto non perdono di qualità quando le trasferite come su Whatsapp.

Una volta impostato il nostro username siamo rintracciabili su Telegram tramite esso, senza bisogno di condividere il nostro numero di cellulare.

Perché il numero di cellulare è anche più prezioso della f**a ragazze!

In chat su Tinder quindi potremo fornire il nostro username Telegram per spostare la conversazione su un’app molto più performante, veloce, sicura a livello di messaggistica e con funzionalità aggiuntive.

Sì, Telegram rimane anche un’app di sexting. Ma ben venga, per Diana!

E voi usavate già Telegram?

Che esperienze avete avuto?

Parliamone su Facebook e per le ragazze parliamone anche sul Gruppo chiuso se vi va.

Per domande/curiosità sono a disposizione! 😉

Altrimenti, molto meglio di me, c’è il supporto di Telegram, attivo appunto su Telegram dove via chat potete chiedere qualsiasi cosa. Lo trovate dentro l’app Telegram › Impostazioni › Fai una domanda.

Ti è piaciuto questo articolo? Offrimi un caffè simbolico per supportarmi! 🙂

Lascia un commento