Come funziona Tinder all’estero- tempo di lettura: 4 minuti -

Storia di un Fan

[skin-wave-divider position=”horizontal” align=”center” color=”#000000″ animate=”true”/]

Il mio lavoro mi porta a viaggiare circa il 75% del mio tempo lavorativo e mai più di un mese nello stesso posto.
È questo il motivo per cui ho cominciato ad usare Tinder: perché Tinder all’estero funziona!

In Italia su 10 match abbiamo:

  • 3 che lo usano come “telefono amico” perché si sentono sole e depresse
  • 4 che dopo averti contattato scompaiono nel nulla (se mi scrivi “ciao” non aspettarti un poema omerico in risposta, quindi non fare la difficile)
  • 2 trans (assolutamente nulla contro i transgender, anzi… però sono etero)
  • 1 botta e via che si porta appresso più pare mentali che Berlusconi minorenni

All’estero, soprattutto in Est Europa e in Israele, Tinder è visto come un metodo di rimorchio al pari di offrire un drink al bar, con la sola differenza che non rischi di offrire da bere alla ragazza di qualcuno.

Ho poi la fortuna di essere un ballerino di buon livello di Hip Hop, e questo genera sempre un certo fascino nei confronti del gentil sesso.

Eppure anche in questi paesi così avanti dal punto di vista relazionale possiamo trovare dei veri e propri casi umani.

La checklist

Ragazza di 23 anni polacca.

Fin dai primi scambi di battute si capisce che è interessata al sesso, e la cosa è più che positiva.
Arriva in albergo da me e mi salta addosso ancora prima di essere entrati in camera.
Sesso favoloso, nulla da togliere… una volta soddisfatta si riveste e se ne va dicendomi che “non s***a mai due volte con lo stesso uomo” e che alla lista le mancava l’italiano del norddi lei rimasero un letto sfatto e una scatola di Durex aperta (nota poetica).

More people, more fun

Ragazza Ceca (nel senso di abitante di Praga) di 21 anni.

Usciamo a bere qualcosa, sembra dannatamente carina, modi gentili ma seducenti. Un buon livello culturale e una parlantina molto vivace.
Mi invita ad andare a ballare in un club assieme a lei… non specifica però che il club era un club privato, dove dopo pochi minuti tira su altri 13 ragazzi e ci chiede di farla divertire… non mi sono tirato indietro, ma di sicuro non mi aspettavo che la serata svoltasse in questa maniera (sono poi tornato più volte in quel club scoprendo che la sessualità più bella è quella assolutamente libera da ogni preconcetto e bigottismo).

Love at first stalking

Ragazza israeliana di 20 anni (no, non sto regredendo apposta con l’età, è che stranamente matcho con ragazze sempre più giovani).

Usciamo a cena insieme, a tradimento paga lei il conto (a me offriva l’azienda cliente, quindi avrei fatto più che volentieri il galantuomo), saliti in macchina mi fa un approccio da manuale, si prosegue nel parcheggio dell’albergo (in camera comodi no!?), dopodiché mi dice di essersi innamorata, che devo sposarla e che vuole un figlio da me. Declinato l’offerta, si presenta il giorno dopo nella mia stanza (non invitata) con circa 200 euro di capi d’abbigliamento in regalo. La blocco instant su ogni piattaforma di comunicazione e inizio a trovarmi messaggi su Instagram da una serie infinita di nuovi account che creava solo per comunicare con me. Ora so cosa vuol dire essere stalkerati.

Il mio grosso grasso match greco

Donna greca di 45 anni.

Match insolito: raramente piaccio alle donne mature. Usciamo a bere e passiamo una serata piacevole. Nel momento clou (“casa tua o albergo da me?”) mi chiede se mi dà fastidio farlo nella stessa stanza di sua madre perché è ospite da lei e non può lasciarla sola troppo a lungo.
Milf ok, granny no.

Eau de parfum

Ragazze francesi in generale: la mancanza del bidet non dovrebbe essere una scusa per non lavarsi. Tre volte ho lasciato la stanza per il forte odore di pescheria cinese appena si spogliavano. Esperienze da incubo.

Fortunatamente il resto delle esperienze è stato esattamente ciò che ci si potrebbe aspettare da una applicazione come Tinder nei confronti di un ragazzo che non resterà nel luogo in pianta stabile.

Nel resto del mondo se ti vedono usare questa applicazione hanno la stessa reazione che potrebbero avere se stessi usando Facebook, anzi, a volte ti chiedono pure consigli o scambiano i contatti.

Se usi Tinder in Italia ti guardano come si guarda un clochard che rovista nella spazzatura.

– Alfiere

[skin-wave-divider position=”horizontal” align=”center” color=”#000000″ animate=”true”/]

Questo articolo è stato scritto da un Fan. Vuoi scrivere per il blog? Invia la tua proposta di articolo a tinderandthecity@yahoo.com, potresti essere pubblicato! 😉

Lascia un commento
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
4