Le donne sono lunatiche?

Storia di una Fan

[skin-wave-divider position=”horizontal” align=”center” color=”#000000″ animate=”true”/]

Una ragazza dopo 5 anni passati insieme, in cui non abbiamo fatto l’amore per almeno 4 anni e dopo averla sempre rassicurata in questo ed infine averla indirizzata da un sessuologo dato che stava davvero male per non riuscire a farlo (era la sua prima volta) mi lascia perché siamo diversi (?).
Il tutto mentre stavo attraversando un periodo molto brutto a livello familiare. Mai un “come stai“, mai una parola di conforto.
In realtà mai una parola in generale.

Altra ragazza, quattro-cinque uscite andate molto bene.
Entriamo un po’ in intimità tra mani e baci (pantaloni allacciati addosso), anche lì va tutto bene e lei stessa mi dichiara di essere molto eccitata.
Le chiedo di uscire nuovamente.
Sparita.
Risponde dopo ore, a volte non risponde, finché non taglio io.
Scopro che ha conosciuto un altro ragazzo in discoteca.

Galeotto Tinder ne conosco un’altra. Mi ci scrivo, sembra intelligente ed interessante oltre che molto bella.
Dopo due mesi mi dice che mi ama, io azzardo e dico che il sentimento è ricambiato. Ma è tutto perfetto, lei è perfetta, troppo perfetta. Sento nell’aria odore di fregatura, e scherzando glielo dico, ma lei mi rassicura.
Quattro mesi dopo mi lascia perché sono troppo buono e perché non ci integravamo nelle rispettive compagnie (inserire rumore di caduta delle braccia).
Quindici giorni dopo sta già uscendo con il suo attuale ragazzo.

Con l’ultima, ma solo cronologicamente, esco per due mesi.
Io ci vado con i piedi di piombo, non mi sbilancio in frasi tenere, almeno non spesso. Lei mi dice che le piacciono i miei colori (carnagione, capelli etc.), mi dice che le manco (abitiamo a distanza), che sono mesi – se non anni – che non riusciva ad essere sé stessa con qualcuno, che vuole farmi conoscere la madre e la sorella che sarebbero venute su per Natale.
Stupido io ci credo, per la prima volta dopo mesi mi lascio andare, la porto al mare, in montagna e nei paesi limitrofi per farle conoscere la mia regione (300 km alla volta, che comunque rifarei altre 100 volte, perché mi sentivo di farlo, per lei).
Di punto in bianco cambia, è fredda nei messaggi, ma quando usciamo va sempre benissimo. Alla fine le chiedo di venire a mangiare a casa mia e lei accetta. Ci mettiamo a letto e guardiamo una serie tv, al che (essendo già successo una volta) comincio a baciarla per farle capire che mi piace e ho voglia di lei. Niente, non collabora. Le chiedo cos’ha e perché è cambiata.

Dopo qualche mia insistenza mi dice:

“Ho problemi ad affezionarmi alle persone ed è una cosa che fa star male anche me perché mi perdo delle persone d’oro. Tu sei perfetto.”
Nessuno è perfetto”, ribatto.
“Allora ci vai molto vicino.”
Le chiedo spiegazioni sui suoi comportamenti delle settimane precedenti.
Mi hai preso bene“, è stata la giustificazione all’unica volta che abbiamo fatto l’amore.
“Alla luce di ciò anche i baci che ci diamo sono insipidi per te.”
Lei tace.
Colgo la risposta silenziosa.
La riporto a casa (doveva svegliarsi presto per lavoro il giorno seguente). Durante il viaggio mi accarezza i capelli (cosa mai fatta) e arrivati mi si avvicina, io le porgo la guancia. Mi bacia sulla guancia ma appena mi giro mi bacia in bocca.

Le ho chiesto nei giorni seguenti se avesse voluto che io provassi a riconquistarla affrontando il blocco che ha.

La risposta?

“Non so quanto ti gioverebbe.”

Non lo so se sono stato sfortunato, ma… il bipolarismo è una patologia?

[skin-wave-divider position=”horizontal” align=”center” color=”#000000″ animate=”true”/]

Questo articolo è stato scritto da un Fan. Vuoi scrivere per il blog? Invia la tua proposta di articolo a tinderandthecity@yahoo.com, potresti essere pubblicato! 😉

Lascia un commento